La rana invisibile

L’ altro giorno dovevamo rifare la carta d’ identità di Sole, siamo andati nell’ ufficio anagrafe di zona, e appena scesi dalla macchina Alma ha tirato fuori dalla tasca la sua rana, l’ ha messa sul palmo della sua mano e la rana ovviamente ha spiccato un grande salto, dopo qualche secondo Sole ha tirato fuori la sua di rana, la quale ovviamente ha fatto la stessa cosa e insieme sono corse a riprendere le due ranocchie, perché si sa, le rane saltano moolto in alto ma amano atterrare su qualcosa di morbido. Ora, cosa potevo fare io se non tirare fuori la mia di rana dalla tasca e farla saltare? L’ unica differenza è stata che, non essendo io un grande esperto ho dovuto chiedere alle ragazze se per favore mi aiutassero con il mio piccolo anfibio e così è stato. Continue reading

11 anni di Alma la mia (non più tanto) bambina

11 anni, un traguardo importante, non tanto per il numero in se quanto per il fatto che sento che la mia bambina, giorno dopo giorno, inizia a non essere più tanto bambina, la pre-adolescenza è veramente dietro un angolo molto molto vicino, lo sento io più di Alma, questo è sicuro ma è innegabile che qualcosa sta cambiando e non è certo il numero di scarpe. Continue reading

Scuola natura

Scuola natura, così si chiama l’ esperienza che si fa in quinta elementare, una settimana (cinque giorni in effetti), lontano da casa, una volta era chiamata “gita scolastica”, oggi è scuola natura.  I bambini in quinta cominciano a non essere più tali, un’ esperienza diversa, completa è quello che ci vuole. Le “regole del gioco”? Continue reading

Auguri Maia!

Ieri siamo andati al cimitero, perché oggi, come ogni lunedì, è chiuso, c’ eravamo tutti a festeggiare il compleanno della più grande delle sorelle e tra un pensiero e l’ altro riflettevo su alcune cose, prima di tutto la cosa che più fa male, ogni volta che ci penso e collego quei puntini ho, lo ammetto, un leggero amaro in bocca, il fatto è che oggi Maia compie 14 anni, il mio ricordo è forzatamente cristallizzato a poco meno di tre anni, la cosa diventa drammaticamente reale nel momento in cui incontro dei suoi vecchi compagni di nido, un paio di settimane fa abbiamo incontrato una ragazzina che ha la sua età, qualche giorno fa ho incrociato un suo compagno di classe, fa le superiori e mi ha salutato con un “Ciao” da uomo, non è facile anche se fa parte della vita. Continue reading