Un Sabato da arrampicatrice

Alma, come già descritto altre volte, è in una fase molto “fisica”, le piace molto stare all’ aperto (noi l’ abbiamo abituata così, senza insistere troppo ma proponendole sempre attività o alternative all’ aria aperta) e soprattutto le piace arrampicarsi e saltare. Qualche tempo fa ho visto la pubblicità di un Parco avventura, uno di quei posti immersi nel verde con tanti alberi dove arrampicarsi. Oddio, non proprio letteralmente, gli alberi ci sono ma in effetti fungono da sostegno ad un percorso costruito con cavi d’ acciaio, parti in legno e reti di protezione, tali percorsi si sviluppano appunto da una pianta all’ altra.  Continue reading

La bicicletta… secondo Alma

C’ era una volta una bambina che un bel giorno andò al parco con la sua bicicletta con le rotelle, ad un certo punto però, forse perché aveva visto altri bambini con bici senza rotelle, forse perché si era stufata o semplicemente perché si sentiva grande, sta di fatto che di punto in bianco chiese alla nonna di levare le rotelle. Una volta tolte è salita sulla sua biciclettina rosa e ha cominciato a viaggiare come una scheggia, senza timori o indecisioni, dritta come un fuso ma pronta a frenare all’ occorrenza. Questa bambina è mia figlia, Alma. Continue reading

5 Anni di Alma

Oggi si festeggia, oggi Alma compie 5 anni, auguri Alma! Non mi piace guardare al passato, soprattutto quando si parla dei una bambina che sta veramente spiccando il volo verso la sua vita, ma una cosa di Alma non posso non scriverla cioè che la ringrazio e la ringrazierò per tutta la vita perché ci ha aiutato a sopportare un fardello molto pesante, in qualche modo ci ha riportati alla vita! Continue reading

Una serata con… Cappuccetto rosso

L’ altra sera Alma e Sole hanno messo in scena la famosa e rinomata favola di Cappuccetto rosso o “Piccetto rosso” come lo chiama Sole! L’ idea è venuta ad Alma che di punto in bianco ha cominciato a chiedermi cose rosse, io le ho risposto che di rosso rosso avevo solo dei tovaglioli e lei per nulla demoralizzata me ne ha chiesti due o tre e ha cominciato a lavorarci su. Ad un certo punto era talmente presa che mi sono offerto di aiutarla (non che ce ne fosse bisogno a dir la verità) e in men che non si dica ecco Alma con un tovagliolo in testa (fermato con una fascia elastica per capelli) e altri due tovaglioli ben scocciati ai piedi, un canovaccio come mantella e via.” Continue reading