Varie ed eventuali

In Questi giorni sono stato vittima dell’ influenza per la seconda volta, febbre, nausea e altri particolari meno gradevoli che risparmio volentieri, la verità (mia) è che ho gli anticorpi di un pensionato, venerdì scorso, tenendo fede ad una delle mie promesse, sono stato ad una mostra fotografica molto interessante in centro, “La Milano tra le due guerre”, foto di Arnaldo Chierichetti, Palazzo Morando, Via Sant’ Andrea 6, consigliata agli amanti del genere vecchia Milano; il fatto è che per andare alla mostra e poi tornare ho preso i mezzi pubblici, pur con più d’ una critica sono un assiduo frequentatore dell’ Azienda Trasporti Milanesi, ed è proprio sui mezzi pubblici che ci si ammala o quantomeno ci si fanno gli anticorpi, siccome io è da un anno che sono “diversamente occupato”, le ultime due volte che ho preso una metropolitana mi sono ammalato, probabilmente sarà un caso ma io ho sempre reputato intelligenti i popoli asiatici che nelle metropoli vanno in giro con la mascherina (e attenzione, la chirurgia plastica va forte anche lì), se aggiungiamo anche il fatto che in quanto uomo “Queste potrebbero essere le mie ultime parole” parafrasando una simpatica vignetta che girava in rete qualche tempo fa dove per le donne un influenza era poco più di un mal di testa mentre per l’ uomo era quasi un piede nella fossa (tranquilli, sto scrivendo con una mano sola..), direi che il quadro è completo e chiedo venia fin d’ ora per qualche eventuale strafalcione. Per quanto riguarda Alma, direi che ormai la sua ragione di vita è l’ esplorazione, va come un treno, curiosa come un gatto e sacrifica volentieri i giochi in favore di nuovi luoghi, siano essi sotto il tappeto, vicino alla finestra o negl’ angoli più remoti della casa poco importa, l’ importante è andare, fra l’ altro, probabilmente sbaglierò ma non credo gattonerà per molto tempo perché appena ne ha la possibilità, ossia quando si può attaccare a qualcosa, punta la gamba per alzarsi in piedi, è ovviamente presto per lei ma credo di conoscere quel movimento, il box sarà utile anche in questo senso. Adesso vado a prepararmi il mio intruglio sperando di alzarmi domani senza quella spiacevole sensazione di essere stato preso a legnate tutta la notte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.