Ciao Ciao marsupio, benvenuto ombrello (in attesa dello zaino)

PASSEGGINO-ombrelloEra nell’ aria ormai, i motivi sono molteplici, Alma cammina da sola e meglio ogni giorno che passa, l’ estate è alle porte, la ragazza comincia a pesare e quando si dimena è difficile tenerla, insomma è arrivato il momento di mandare in pensione il caro buon vecchio marsupio e di passare al passeggino a ombrello che ha preso servizio da ormai qualche settimana. Del marsupio sono sempre stato un grande estimatore, è comodo, pratico e maneggevole, in più regala un agilità senza pari in una città come Milano che non è propriamente passeggino-friendly,

ma perché l’ ombrello invece del passeggino classico? Perché, a mio modo di vedere, il passeggino a ombrello è molto più leggero di quello classico, è più maneggevole e decisamente più economico, il che significa che è possibile avere un po’ meno attenzioni, il passeggino classico generalmente è parte del “trio”, ragione per cui bisogna averne una certa cura, l’ ombrello si usa tranquillamente tutti i giorni per andare all’ asilo ma rimane sempre quella cosa li, eventualmente si reclina lo schienale o si abbassa la capottina per il sole, quindi per sua natura è certamente meno delicato, è estremamente maneggevole in caso di trasferta o semplice gita fuoriporta e leggero in caso si debbano fare spostamenti tipo scale, motropolitana o mezzi pubblici ed economicamente ce la si può cavare con poche decine di euro, insomma per determinati spostamenti, di routine diciamo, a mio avviso il passeggino a ombrello è l’ ideale. In caso di spostamenti più “avventurosi” però il mio mezzo di trasporto preferito rimane lo zaino, sarà per una deformazione da (ex?)backpacker, sarà che quando devi camminare in città come in ambiente extraurbano (montagna o campagna), per il bambino stare sulle spalle di papà è non solo comodo ma permette una vista sicuramente migliore, sta di fatto che lo zaino è un valido alleato. Controindicazioni dello zaino sono, il peso, occorre essere abituati, ci si carica sulle spalle pur sempre una dozzina di kg, occhio al sole, la maggiorparte degli zaini ha una capottina o una tendina per riparare i bimbi ma è sempre meglio accertarsene, anche perchè una volta sulle spalle si sta su, non si può scendere ogni 5 minuti, il costo non è, spesso e volentieri, fra i più economici, si parte da poco sotto i 100 € per arrivare anche a cifre importanti, prima di fare un acquisto del genere è consigliata una riflessione seria sul reale utilizzo, eventualmente io consiglio il mercato dell’ usato, si fanno ottimi affari proprio per il fatto che molta gente li compra, li usa una volta, il bambino dopo 5 minuti rogna e lo zaino finisce prima nell’ armadio a prendere polvere e poi su subito.it, io ho fatto così qualche anno fa e sono molto soddisfatto (a Maia piaceva molto), ma è giusto mettere in guardia i padri da un possibile acquisto sbagliato. Per ora sono nella fase intermedia, ormai troppo grande per il marsupio ma troppo piccola per lo zaino (quanto meno quello che ho io), per cui benvenga l’ ombrello, anche se ho recentemente visto qualcosa che potrebbe fare al caso mio proprio di questi tempi, ma di questo ne parliamo un’ altra volta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.