Terrible two… ma anche three e four

Si scrivono terrible two ma non perché s’ intendono i 2 anni, non solo quello almeno, si chiamano terrible two perché per due anni tocca comprare pazienza al mercato nero e con Sole ce ne vuole veramente tanta!

Sole ha un carattere decisamente femminile, le piacciono i giochi con le bambole, le piacciono le gonne, è abbastanza restia alle varie attività fisiche (cosa che invece attrae maggiormente Alma) ma soprattutto parla, parla, parla, parla, parla, parla… senza tregua! Qualche esempio? All’ asilo chi hanno detto che di sicuro non avrà problemi di inserimento alla materna perché parla anche coi sassi! E ancora, settimana scorsa in piscina il maestro ha fatto allontanare i genitori con una scusa dal bordo vasca (per testare la reazione alla mancanza del genitore) e stamattina il maestro mi ha detto che è andato tutto bene ma ha anche aggiunto: “Non è stata zitta un attimo, mi ha raccontato un sacco di cose…”

Ma fin qui siamo sempre e comunque nell’ ambito caratteriale, il peggio Sole lo da proprio in fatto di capricci, i veri e indiscussi protagonisti di questo periodo. Capricci perché non vuole mettere il pigiama (e neanche togliersi la gonna), capricci perché vuole sedersi ad un posto diverso dal solito, capricci perché non le va bene quello che ha nel piatto, capricci perché non vuole andare in piscina, capricci perché dopo aver fatto i capricci per non voler andare in piscina… vuole andare in piscina! Capricci perché al parco vuole fare quello che vuole lei come vuole lei e con chi vuole lei! Capricci perché non vuole lavarsi al mattino, capricci perché nom vuole dormire al pomeriggio, capricci perché vuole la mamma o il papà, o la nonna, o la mamma ancora.

A peggiorare la situazione poi c’ è da dire che i capricci di Sole sono proprio capricci seri, con tanto di urla e battute di piedi per terra, per non parlare delle mani addosso e delle pernacchie come risposta ai rimproveri. L’ unica cosa che mi da una speranza è l’ esperienza, ossia il fatto che essendoci già passati con Alma (Maia non ha avuto il tempo di entrare in questo periodo purtroppo anche se sembrava tutt’ altro che una bambina capricciosa), sappiamo che prima o poi questa fase finirà o quantomeno si attenuerà dandoci un po’ di respiro, un po’ di tregua.

Già perché alla fine questa cosa ti logora e a lungo andare le giornate iniziano che si è già in riserva con la pazienza, non dovrebbe essere così ma quando le cose si sommano purtroppo si arriva a volumi difficilmente contenibili di intolleranza, per il momento navighiamo a vista, portiamo pazienza e andiamo avanti con tanta fiducia!

2 thoughts on “Terrible two… ma anche three e four

  1. ciao Luca,
    devo dire che questa fase la stiamo passando anche noi ( e ti confesso che anche io sto preparando un articolo di sfogo 😉 ) e a volte vorrei arrendermi e urlare perché la pazienza è già finita prima d’iniziare la giornata. E’ una lotta continua, per qualsiasi cosa, dalla più stupida alla più inaspettata. La cosa che mi consola (chiamiamola così) è sapere che questa è una fase che passerà (mi auguro) e che ce l’hanno tutti i bambini. Non a caso ho cominciato yoga: per tirare fuori quell’energia e quella pazienza altrimenti già finita.
    Un saluto e tieni duro!

    Simone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.